Armenia

Documenti necessari e visto turistico

Per entrare in Armenia è sufficiente essere in possesso del Passaporto con validità residua di almeno sei mesi dalla data di rientro in Italia.

Dogana

http://www.agenziadogane.it/

Moneta

La valuta armena è il DRAM. 1 € = 544 AMD (circa)

Fuso orario

Il fuso orario è di 3 ore avanti rispetto all’Italia.

Religione

La religione di Stato è il cristianesimo apostolico di rito armeno, con minoranze di cattolici, protestanti, musulmani e testimoni di Geova.

Lingue

La lingua ufficiale è l’armeno. Il russo è lingua veicolare ma non nelle regioni periferiche.

L'inglese è molto conosciuto a Jerevan, soprattutto nei locali frequentati dagli stranieri.

Clima

E’ possibile visitare l’Armenia durante tutto l’anno, grazie al suo clima pressoché continentale. I mesi migliori per visitare il Paese rimangono comunque quelli compresi tra Aprile e Novembre. La migliore stagione per visitare l’Armenia è da inizio aprile ad inizio novembre, quando il clima varia da mite in primavera e autunno a caldo in estate.

Telefono

Per chiamare dall’Italia il prefisso internazionale è 00374 + prefisso località (10 per Yerevan) In Armenia si possono usare i cellulari italiani (GSM) in roaming. L’acquisto di comode schede telefoniche internazionali sul posto permettono un notevole risparmio ma è necessario chiamare da un telefono fisso.

Cucina

La cucina è davvero ottima e anche molto sana data la freschezza degli ingredienti, soprattutto frutta e verdura, allo scarso impiego di grassi e largo uso di spezie (la curcuma, lo zafferano, la noce moscata e il cardamomo) ed erbe aromatiche fresche. La carne più consumata è quella di agnello o di montone, spesso servita con le abbondanti porzioni del riso.

Sicurezza

Per tanti motivi si può dire che Yerevan è una delle città più sicure nel mondo. Si può tranquillamente passeggiare lungo le vie di Yerevan alla notte, cosi come in molte città europee durante il giorno. C’è l’impressione che non ci siano né ladri o criminali, come se siano tutti in prigioni. In effetti, la criminalità di piccolo calibro, ovviamente, esiste ma per un certo motivo sconosciuto, non è visibile ed i turisti, così come un cittadino normale, si sentono sempre al sicuro.