Aurora boreale

Aurora boreale

L’aurora boreale è un fenomeno naturale che avviene quando particelle elettriche provenienti dal sole vengono scagliate verso la terra. La luce si manifesta quando le particelle si scontrano con i gas dell’atmosfera terrestre. Questo fenomeno può essere osservato presso i poli magnetici. La luce polare all’emisfero nord viene chiamata “aurora borealis” – la luce del nord, mentre la luce polare all’emisfero sud viene chiamata “aurora australis” – la luce del sud.

Anticamente abbondavano i misteri e i miti correlati all’aurora boreale. C’era chi vedeva questa luce come un presagio di guerra oppure di peste, mentre altri credevano che erano le vecchie donne nubili a creare questa luce. Non era raccomandabile agitare un capo di abbigliamento bianco contro l’aurora boreale perchè poteva arrabbiarsi e portarti via dalla terra. Altri invece credevano che l’aurora boreale ti salutasse se agitavi qualcosa di bianco. I lapponi erano del parere che l’aurora fosse una delle forze sovrannaturali e utilizzavano i suoi simboli sui tamburi degli sciamani.

L’aurora boreale ha affascinato ed interessato l’uomo sin dai tempi più antichi e viene descritta e commentata in vari testi, tra cui Aristotele. Anche alcune scritture cinesi del 2000 a.C. descrivono qualcosa che potrebbe essere l’aurora boreale. Le prime spiegazioni e descrizioni hanno rafforzato i miti e i misteri che riguardano questa luce e fu solo dopo il 1600 che si iniziò a · studiare il fenomeno in modo sistematico e scientifico. Con il tempo si scoprì che c’era una connessione tra l’aurora boreale e i disturbi magnetici e come l’attività del sole avesse un impatto su questa luce polare. Nel 1886 il fisico norvegese Kristian Birkeland formulò la prima teoria completa sull’aurora boreale basata su tali osservazioni. Birkeland sviluppò e rafforzò la sua teoria e con questo lavoro introdusse ciò che oggi viene chiamata la scienza moderna dell’aurora boreale. Questa scienza viene sviluppata ancor oggi e ci ha dato ulteriori informazioni riguardo al sole, l’atmosfera terrestre e lo spazio più vicino a noi.

L’aurora boreale contiene tanti colori diversi ed ogni colore è determinato dai gas con i quali le particelle provenienti dal sole si scontrano, il che, a sua volta, dipende dall’altezza dell’atmosfera in cui lo scontro avviene. L’aurora boreale è visibile da 90 a 150 chilometri dalla superficie della terra, ed i colori si distribuiscono più o meno in questo modo :

  • Oltre i 150 chilometri : luce rossa
  • Da 120 a 150 chilometri : luce giallo verde
  • Sotto i 120 chilometri : luce blu viola

Il fenomeno è collegato all’attività solare e più sono forti i venti solari maggiore è l’intensità dell’aurora. In altri termini questa luce c’è sempre. Nella Norvegia del Nord la probabilità di vedere l’aurora boreale è statisticamente più elevata nel periodo tra ottobre e febbraio, perchè in questo periodo il buio la rende più facile da vedere.

L’aurora boreale si manifesta attorno al polo nord magnetico. Per via della loro posizione geografica le regioni del Troms e del Finnmark sono punti di partenza perfetti per scoprire questa luce polare. Inoltre, la Norvegia del Nord può offrire tutta una gamma di attività che, insieme all’aurora boreale, faranno del tuo viaggio un’esperienza unica. Scopri cosa potrai fare nella Norvegia del nord consultando il nostro sito.

Per vedere l’aurora boreale deve fare buio e il cielo deve essere limpido. Il buio della notte polare nella Norvegia del Nord è quindi la condizione migliore per vedere l’aurora boreale. È dimostrato che questa luce polare brilla più sovente e più forte un paio di ore prima e dopo la mezzanotte. La luce è più forte quando l’area attiva sulla superficie solare è rivolta verso la terra. Si potrà assistere ad un periodo di maggiore intensità dell’aurora boreale ogni 27 giorni, l’equivalente di una rotazione completa del sole. Ottobre, febbraio e marzo sono i mesi migliori per vedere l’aurora boreale.