ETIOPIA

Quando si pensa all'Etiopia si pensa quasi sempre ad un paese povero e desertico, in preda alla fame e alla guerra. Si dimentica però che questa nazione dell'Africa orientale ha una storia e cultura tra le più affascinanti, una grande varietà di paesaggi e una ricca eredità cristiana ortodossa.

Documenti di viaggio

Passaporto in corso di validità per almeno 6 mesi oltre la data di rientro. Il visto per l’Etiopia si può ottenere all’arrivo ad Addis Abeba direttamente all’aeroporto con il solo passaporto valido 6 mesi, almeno tre pagine libere per la stampigliatura. Non servono foto.

Cosa mettere in valigia:

L’abbigliamento deve essere leggero e il più pratico possibile; durante la giornata e le visite, indispensabili un copricapo, gli occhiali da sole e scarpe comode. Al nord è importante anche avere un capo impermeabile oppure un piccolo ombrello. Per le notti sull’altopiano è necessaria una giacca di media pesantezza o di pile. E’ obbligatorio entrare a piedi scalzi nelle chiese e nei monasteri (i calzini sono consentiti) e non è permesso fotografare i dipinti e gli affreschi con l’uso del flash. Per la visita alle chiese interrate di Lalibela è utile avere una piccola torcia da utilizzare nei cunicoli che collegano le varie chiese.

Valuta

La moneta locale è il Birr. Vengono cambiati indifferentemente Dollari e Euro in banca e, in data odierna, 1 Dollaro vale circa 28 Birr e 1 Euro vale circa 33 Birr. Questi valori variano comunque molto spesso. Fuori dalla capitale vengono raramente accettate le carte di credito. Ad Addis Abeba possono essere utilizzate in qualche grande albergo tipo Hilton o Sheraton. Ultimamente sono stati installati, nei grandi alberghi, nell’atrio di alcune banche e di alcuni centri commerciali, degli ATM che permettono di prelevare contanti in Birr dal proprio conto con commissioni molto basse. I Bancomat accettati devono far parte del circuito VISA, MASTERCARD o  CIRRUS. Prelevare con il BANCOMAT è possibile anche presso gli sportelli di alcune banche. Il consiglio resta comunque sicuramente prelevare anticipatamente il denaro per poi cambiarlo in loco.

Comunicazioni:

Prefisso per telefonare in Etiopia: +251.  La rete cellulare copre l’area di Addis Abeba e dei principali centri urbani. Può capitare di avere poca ricezione anche per quanto riguarda l’accesso ad internet. Nelle città più grandi è comunque possibile trovare degli internet point e sempre più hotel di media / alta categoria sono provvisti di connessione Wi-Fi.

Fuso orario:

L’Etiopia si trova due ore avanti rispetto all’Italia, quando in Italia è attiva l’ora legale la differenza si riduce ad un’ora.

Elettricità:

La corrente elettrica è a 220 volt quindi le nostre apparecchiature elettroniche funzionano senza problemi; le prese sono quasi tutte a due entrate, per i computer portatili le cui prese sono a tre entrate conviene portare un adattatore. Per quanto riguarda la fornitura di energia elettrica, negli ultimi tempi, ci sono state difficoltà in tutto il Paese nel coprirne il fabbisogno, per cui, a volte, in alcune località potrebbe mancare la luce. La mancanza di energia potrebbe procurare anche scarsità d’acqua nelle strutture che non posseggono un generatore.

Hotel:

Tutti i nostri tour sono programmati con le sistemazioni e i servizi di hotel 4* ad Addis e 3* lungo i tragitti dei vari tour, che spesso sono le migliori disponibili; infatti solo in alcune località del nord si possono trovare hotel 4*. A questo proposito ricordiamo che in Etiopia gli alberghi hanno uno standard particolare che non è paragonabile a quello europeo. Un hotel qui definito 3 stelle è un hotel semplice, modesto ma pulito con un discreto servizio, cibo curato ed abbondante anche se non vario e che garantisce in buona percentuale la presenza di acqua ed elettricità.

Medicinali e Salute:

I tour prevedono alloggi in alberghi che hanno un discreto/buono standard di igiene e sicurezza soprattutto per la preparazione dei pasti. L’acqua è servita sempre imbottigliata anche durante i pernottamenti in campeggio, ma a volte, solo il cambiamento d’aria, comporta qualche problema intestinale quindi è consigliato portare i fermenti lattici e qualche medicinale un po’ più forte per i disturbi intestinali (Imodium, Bimixin...). Un collirio leggero per pulire ed alleviare gli occhi dopo i lunghi percorsi su strade e piste polverose, può essere utile.

Bagagli:

Si fa presente che, sarebbe preferibile che il bagaglio fosse costituito da sacche morbide o da valige semi-rigide o da zaini (eventualmente portare un sacco di plastica per proteggerli dalla polvere e dalla pioggia), soprattutto per i gruppi di persone che effettuano il viaggio in coster bus o high roof minibus in quanto questi bagagli sono d’ingombro minore delle moderne valige rigide e la sistemazione sui veicoli è notevolmente semplificata.