UZBEKISTAN

La Repubblica dell'Uzbekistan si trova nel cuore dell'Asia, nel territorio anticamente noto col nome di Bactriana, Maverannahr (Transoxiana) e, successivamente, Turkestan.

Di qui passava la favolosa Via della Seta e ancor oggi il Paese, il cui nome sembra derivare da Ozbek Khan, sovrano dell'Orda d'oro nella I metà del XIV sec., è la più affascinante delle repubbliche dell'Asia centrale.

Documenti necessari e visto turistico

Passaporto originale con validità residua di almeno 3 mesi e visto d'ingresso per il quale è necessario inviare 1 fototessera recente e modulo consolare debitamente compilato. In arrivo è richiesta la dichiarazione doganale da conservare per il giorno della partenza: al passeggero in arrivo ne vengono fornite tre copie, due delle quali vengono compilate in ingresso - una per la dogana, l'altra va trattenuta - e una copia da compilare all'uscita dal paese.

Dogana

Moneta

La moneta locale è il Soum Uzbeko. Dal 5 settembre 2017 la Banca Centrale dell’Uzbekistan ha stabilito nuovi tassi di cambio, entrati in vigore dal 12 settembre 2017 e quotando 9.718.65 soums per 1 euro. Il cambio viene aggiornato ogni lunedi e rappresenta il valore medio della settimana precedente così come quotati dalla Currency Exchange repubblicana dell’Uzbekistan. Il cambio può essere effettuato negli hotels e nelle banche. Gli Euro in banconote sono comunemente accettati in tutto il Paese. Si accettano altresì dollari di piccolo taglio che possono essere utili negli acquisti nei bazar locali. I pagamenti in carta di credito vengono accettati nei principali hotel, i quali applicano però a volte una commissione minima del 5%

Cosa mettere in valigia

Il clima dell'Uzbekistan, date le vaste aree desertiche, è caratterizzato da un'estate lunga, da maggio a settembre, e molto calda e secca, dove la media delle temperature pomeridiane arriva a 32°C, mentre la massima di giugno a 40°C. Primavera e autunno sono stagioni brevi, la prima temperata, la seconda soggetta a qualche gelata, entrambe piovose; la pioggia è comunque leggera e causataperlopiù da improvvisi e veloci acquazzoni. L'inverno è breve, da dicembre a febbraio, ma instabile con neve e temperature sotto lo zero. Il periodo ideale per la visita è da metà aprile all'inizio di giugno e dall'inizio di settembre a metà ottobre. Consigliamo un abbigliamento pratico e leggero, senzaperò dimenticare qualcosa di più pesante per la sera.

Elettricità e voltaggio

220 volt con prese comuni. Si consiglia tuttavia di portare con sé un adattatore a lamelle piatte ed una torcia: non tutte le aree delle città sono ben illuminate, potrebbe tornare utile nelle passeggiate serali.

Cucina

La cucina locale è semplice e abbastanza ripetitiva con piattia base di riso, zuppe con verdure e carne di manzo o pollo, involtini di carne accompagnati da piatti di verdure e da grandi pani rotondi, morbidi e gustosi.

Clima e temperature

Il periodo migliore per intraprendere un viaggio in Uzbekistan va da fine marzo a giugno e da settembre a metà novembre. Le temperature medie oscillano in primavera (marzo-maggio) tra i 14° C e i 30° C (ma a Khiva e Bukhara, a fine aprile, è possibile raggiungere anche i 35° C), in estate (giugno-agosto) tra i 30° C e i 45° C, in autunno (settembre-ottobre) tra i 28° C e i 21° C, in inverno (novembre-febbraio) tra i 16° C e i -15°C.

Norme di comportamento

L'Uzbekistan è un paese musulmano molto moderato. Se vi vestirete evitando scollature e pantaloncini corti non avrete alcun tipo di problema. Anche gli uomini farebbero bene ad evitare i pantaloni corti, semplicemente perchè vengono considerati come un capo di abbigliamento estremamente ridicolo dalla popolazione locale. Nelle principali località turistiche (Samarcanda e Tashkent) soprattutto i più giovani vestono seguendo la moda occidentale mentre nelle campagne l'abbigliamento è più tradizionale.

Salute

Clima e alimentazione diversi dai nostri suggeriscono di prestare attenzione all'alimentazione durante il viaggio e possibilmente ad effettuare una prevenzione a base di fermenti lattici almeno una settimana prima della partenza. Evitare frutta e verdura fresche, creme di diverso tipo; bere sempre acqua in bottiglia, prestare attenzione alle variazioni di clima tra gli esterni caldissimi e gli interni spesso molto raffreddati dai condizionatori.

Telefoni

Per chiamare l'Italia: 0039 seguito dal prefisso della città con lo 0 e dal numero. I cellulari funzionano  tranne che nella zona del deserto di Kyzil Kum. Ovunque ormai è disponibile il servizio di wi-fi.

Popolazione

Gli uzbeki, che rappresentano l'80% della popolazione, discendono da genti turco-mongole molto mescolate con l'antico substrato europoide della zona. Il resto della popolazione è costituito da russi, tagiki, kazaki, karakalpaki, tatari, kirghisi e coreani, oltre a piccole comunità di ucraini e turchi meskhetiani.

Circa il 40% della popolazione vive nelle città, il rimanente nelle campagne; oltre un terzo degli uzbeki vive nella valle di Fergana, la regione più densamente popolata di tutta l'Asia centrale.

Il tasso di crescita della popolazione è tra i più alti del mondo e oltre la metà di essa ha meno di 15 anni.

Fuso orario

Lancette in avanti di 4 ore con l'ora solare, 3 ore quando in Italia vige l'ora legale.

Uzbekistan sul web